logo mushin-karate
logo mushin-karate

Winter Cup 2018 – CSAIN Karate Lazio

13 novembre 2018 | commenti: 0 commenti | Iacopo

winter-cup-2018-csain-img-20181104-wa0021
Domenica 4 novembre si è svolta la Winter Cup 2018, organizzata dal CSAIN Lazio a cui hanno partecipato molti dojo di diversi stili. È stata una gara emozionante che ha visto i nostri atleti spesso sul podio, a discapito del numero, come al solito esiguo rispetto alle altre palestre.
Ma vediamo in dettaglio i risultati in ordine di medaglia.

Medaglie d’oro

Si comincia con Alessandro Bartoli che sembra avere un altro passo rispetto agli avversari e infatti mette a segno due esibizioni davvero eccellenti che gli valgono la medaglia d’oro.
La seconda medaglia d’oro è quella di Fabrizio Palandri, una conferma! Molto preciso ed espressivo, esegue un ottimo katà ma in alcuni frangenti rivela un po’ di imprecisione e qualche fronzolo di troppo tra una tecnica e l’altra. Questo però non gli impedisce di superare, sebbene di pochi punti, una rivale molto agguerrita che però deve accontentarsi del secondo gradino del podio. Insomma, una bella sfida davvero.
La terza medaglia d’oro è quella di Matteo Palma, che ci sta abituando a prestazioni che lasciano il vuoto tra lui e gli altri partecipanti. Ancora una volta, sembra l’avversario inarrivabile. Complimenti a Matteo per la sua costanza.

Medaglie d’argento

Ottime prestazioni arrivano anche da altri atleti, che salgono meritatamente sul secondo gradino del podio.
Federico Pagani, benché offra una serie di ottime prestazioni, paga un po’ lo scotto di presentare sempre il solito primo katà, a dispetto della cintura arancione. Le interpretazioni, comunque di alto livello, gli valgono la medaglia d’argento.
Matteo Palma si cimenta per la prima volta nel kumitè, offrendo una buona prestazione. Diciamo che come prima esperienza è andata molto bene e la medaglia d’argento è meritata.
È poi il turno del nostro caro Alin Andrei, che esegue degli ottimi katà, ma a causa di alcuni dettagli che ancora non riesce a perfezionare, si mette al collo la medaglia d’argento, pur sempre un ottimo risultato, anche perché gli avversari erano decisamente di tutto rispetto.

Medaglia di bronzo

Valerio Leccese conferma la sua abitudine di salire sul podio infatti, anche in questa gara, offre una prestazione di rilievo che gli vale il terzo posto. Certamente avrebbe potuto ottenere di più, ma siamo solo alla gara d’esordio, quindi ci sarà tempo per perfezionarsi e salire ancora qualche altro gradino.

Gli altri partecipanti

Oltre agli atleti che sono riusciti ad andare a medaglia, riportiamo anche i lusinghieri risultati degli altri componenti del Mushin Karate, che hanno raggiunto il quarto posto a pari merito con atleti di altre palestre.
Pulci Stella offre una bella prestazione ma subisce qualche decisione arbitrale sicuramente opinabile, che le vale uno stretto quarto posto. Marzullo Marco e Marzullo Andrea mostrano le loro abilità nei katà e danno certamente filo da torcere agli avversari, il risultato è comunque buono, per la prima gara dell’anno.
Quarto posto anche per Maini Gabriele, che si impegna molto e ottiene dei buoni voti, purtroppo non sufficienti per salire sul podio, ma ci saranno di certo altre occasioni.
Anche la prestazione di Nekita Alex non è niente male, ma forse l’emozione lo tradisce e la poca convinzione nella prima prova, non gli permette di ottenere un punteggio totale da podio. Anche per lui un quarto posto che avrebbe potuto essere ben altro.
Perinelli Dante si impegna molto e si vede, ma anche qui entra in gioco l’emozione che gli toglie quel tanto che basta di credibilità, che gli impedisce di andare a medaglia. Ma le gare da fare sono ancora molte, ci sarà tempo per togliersi qualche soddisfazione.
Abbiamo poi una new entry, Matteo Bellavia, che affronta con concentrazione e serietà la sua prima gara. Offre una buona prestazione, ma è evidente che non ha esperienza, visto che pratica karate da pochi mesi. Inoltre gli avversari sono davvero di alto livello. Attendiamo allora che questo atleta maturi, saprà di certo farsi valere.
Infine è il turno di Minniti Pietro, l’unico atleta master che scende sul tatami per il Mushin Karate. Come al solito un’ottima prestazione, ma purtroppo non gli vale la medaglia.

Galleria Fotografica

Galleria Video

Galleria fotografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *